Dario Fo (Testimonial) – Il ballista: il fusto

Data: 1959

Autore

Collocazione

BAR I Re 1959 00027

Dettagli

Marca: Barilla

Note

2’50” BN TV 35

Soggettario

Approfondimenti

Agenzia: -
Direttore creativo: -
Art Director: Erberto Carboni
Copywriter: Dario Fo
Regia: Mario Fattori
Direttore fotografia: Giorgio Battilana
Tv Producer: Mario Fattori
Casa di produzione: General Film
Musica: Franco Cerri
Arrangiamento: Franco Cerri
Interpreti: Dario Fo, Antonio Cannas, Mimmo Craig, Elio Crovetto, Mario De Angeli, Piero Pandolfini
Location: Milano, Teatro di posa
Anno: 1959
Durata: 170”
Codice ASB: BAR I Re 1959/21-22-23-24-25-26-27-28-29-30
Abstract: Dario Fo veste, di volta in volta, i panni di un personaggio diverso, proponendo agli amici del bar varie storie basate su notevoli e improbabili “balle”.
Racconta di aver corso al gran premio di Monza e di aver oscurato la fama di Juan Manuel Fangio (1911-1995); fa credere di essere un prestigiatore così bravo da essere riuscito a nascondere nella manica della camicia un leone; arriva al bar con la bici da corsa sulle spalle rivelando di avere partecipato al Tour de France, di essere arrivato al Parco dei Principi con due giorni di anticipo e di essere pertanto tornato in Italia a piedi; giunge imbracciando un fucile e dice che lo sta inseguendo un leone al quale ha fatto il solletico; racconta di essere un pescatore provetto e di aver preso all’amo il periscopio di un sommergibile atomico con sopra un pinguino; si presenta vestito da pompiere brandendo un distributore di seltz e racconta di aver salvato lo zoo di Philadelphia da una terribile esplosione provocata dalle scimmie che fumano il sigaro confessa di far parte della ghenga dei nasi schiacciati e racconta di aver incontrato durante un’aggressione un impresario di Broadway che l’ha scritturato per un balletto afferma che un’attrice cinematografica si è invaghita di lui e lo vuole rapire per portarlo in Marocco; si spaccia per campione di immersioni in apnea e sostiene di aver affrontato un pescecane; vuol fare credere che con il suo aereo ha superato lo Sputnik II e che la cagnetta Laika è tornata con lui sulla terra.
Alla fine del racconto uno degli amici puntualmente esclama: «Questa proprio non la bevo» e Fo risponde, mostrando una scatola di pasta Barilla: «E questa la mangi?». La scenetta termina e inizia il codino pubblicitario in cui viene mostrata una scatola di nidi di rondine, mentre lo speaker annuncia che «Con pasta Barilla è sempre domenica».